• Home
  • Eventi Passati
  • “Lungo la via Francigena da Siena a Roma : l’esperienza raccontata dal nostro socio Cristian Viscardi”

Palazzo Colleoni  –  Cortenuova

Martedì 29 settembre

Parliamone tra noi

Il tema della serata è stato trattato dal nostro socio Cristian Viscardi che ha condiviso la sua esperienza di pellegrinaggio lungo un tratto della Via Francigena, itinerario storico che dall’inglese Canterbury ripercorre le 79 tappe che videro il vescovo Sigerico giungere fino a Roma nell’anno 990.

Cristian ha percorso i 270 km di cammino che separano Siena da Roma in compagnia di un caro amico che come lui ha vissuto l’esperienza del COVID e questo viaggio è stato il loro modo di fare un’esperienza di ringraziamento per l’aver superato la malattia.

Cristian e Tullio sono stati anche affidatari di una promessa del gruppo Alpini di Palosco: portare un gagliardetto dell’Associazione Alpini sulla tomba di Papa Giovanni XXIII in Vaticano a memoria di quanti sono “andati avanti” durante la pandemia.

Il pellegrinaggio si è quindi svolto alla fine di un torrido luglio lungo i sentieri della via Francigena che attraversano i meravigliosi paesaggi della Val d’Orcia, il lago di Bolsena e la Tuscia.

Il cammino ha cambiato e rafforzato il rapporto d’amicizia ed il supporto reciproco nelle lunghe tappe di 25-30 km è stato parte fondamentale di quest’avventura.

Le meraviglie dell’Italia si sono mostrate anche nella fantastica accoglienza degli italiani nei confronti dei pellegrini: lungo la Via Francigena, a causa dei protocolli COVID in atto, la disponibilità di punti di ristoro e riposo non sempre era garantita ma gli abitanti dei luoghi attraversati si sono sempre dimostrati disponibili per fornire dell’acqua nei momenti bollenti del solleone come un posto per dormire quando le strutture per pellegrini e gli alberghi non potevano farlo; tutto questo è stato un bellissimo biglietto da visita di come l’Italia sappia essere capace di accogliere.

Avvicinandosi a Roma si è percepito come la storia stessa permeasse il cammino: la Via Francigena si sovrapponeva all’antica Via Cassia ed infine ecco la presenza dell’Urbe di fronte agli occhi dei pellegrini.

Con emozione è stato raccontato come il pellegrinaggio sia giunto in Piazza San Pietro: nonostante le fatiche è stata grande la soddisfazione di giungere in Vaticano e di ricevere il “testimonium”, attestato che dimostra il raggiungimento del voto di devozione.

L’ultima fatica, la consegna del gagliardetto sulla tomba di Giovanni XXIII, è diventata in realtà qualcosa di ben più lieto in quanto, grazie all’intercessione di S.E. Mons. Ettore Dotti (vescovo in Brasile ma di origini paloschesi e a sua volta alpino), il dono è stato consegnato a Sua Santità Papa Francesco.

Il pellegrinaggio ha raggiunto addirittura un traguardo inaspettato in quanto durante l’Angelus della domenica in Piazza San Pietro il Papa ha salutato gli Alpini dalla finestra nel suo messaggio ai fedeli.

Il racconto di Cristian si è concluso con il racconto di qualcosa di inatteso: la telefonata di Papa Francesco.

L’emozione di una telefonata inattesa da una persona meravigliosa e al tempo stesso di una semplicità incredibile: Sua Santità ha chiamato per ringraziare del dono ricevuto e per dare la Sua speciale benedizione; ha ricordato chi se ne è andato con la pandemia ed ha pregato in particolare per la terra bergamasca così duramente ferita da questa piaga. La telefonata si è conclusa con una preghiera insieme al Papa e con la Sua richiesta di pregare per lui.

Il racconto è stato molto a braccio e di cuore, segno dell’emozione e della gioia che sono cresciuti durante questo cammino.

I Soci sono intervenuti con domande e condivisioni della forte emozione che è emersa e che è stata trasmessa durante la descrizione di questa esperienza personale del nostro Socio Cristian.

CV

 

Eventi Passati

Leave A Reply